Home –  Stagione 2021-2022 –  Opera – 

I Capuleti e i Montecchi

  • 063 0H3A3705. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • cattura trailer gallery
  • Speranza Scappucci @ Silvia Lelli
  • Noble Adrian © Ken Howard
  • 036 0H3A3630. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 083 0H3A3754. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 028 0H2A0488. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 035 0H2A0512. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 040 0H2A0523. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 112 0H2A0734. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 185 0H3A4042. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
  • 196 0H2A0990. ph Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala
Ph. Marco Brescia & Rudy Amisano
Dal 18 Gennaio al 2 Febbraio 2022
Vincenzo Bellini

Durata spettacolo: 2 ore e 45 minuti ca. incluso intervallo

PRIMO ATTO 75 minuti / Intervallo 25 minuti / SECONDO ATTO 65 minuti

 

Opera in due atti

Libretto di Felice Romani 

 

Edizione critica a cura di C. Toscani

Casa Ricordi, Milano

 

Nuova Produzione Teatro alla Scala

 

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Direttrice Speranza Scappucci
Regia Adrian Noble
Assistente regista Joanne Pearce
Scene Tobias Hoheisel
Assistente scenografo Philippine Ordinaire
Costumi Petra Reinhardt
Assistente costumista Eleonora Rossi
Luci Jean Kalman e Marco Filibeck
Coreografia Joanne Pearce
Maestro d'armi Mauro Plebani
Maestro del Coro Alberto Malazzi

CAST

Romeo Marianne Crebassa
Giulietta Lisette Oropesa
Tebaldo Jinxu Xiahou
Lorenzo Michele Pertusi
Capellio Jongmin Park

 

Un'ora prima dell'inizio di ogni recita, presso il Ridotto delle Gallerie, si terrà una conferenza introduttiva all'opera tenuta da Claudio Toscani.

 

La tragedia di Romeo e Giulietta e del loro amore contrastato dalle famiglie ha ispirato innumerevoli versioni, dall’opera al cinema. Una delle più suggestive porta la firma di Vincenzo Bellini, il meno rappresentato dei compositori del belcanto. Alla Scala I Capuleti e i Montecchi torna in una nuova produzione diretta da Speranza Scappucci che segna il debutto di Adrian Noble, per tredici anni direttore della Royal Shakespeare Company. Il cast schiera alcune delle voci belliniane di riferimento del nostro tempo.